11 Followers
10 Following
Patricija

Gatta ci cova

Currently reading

Hitler
Ian Kershaw, A. Charles Catania
Gli Impiegati
Honoré de Balzac

La donna che collezionava farfalle

La donna che collezionava farfalle - Bernie Mcgill, Simona Garavelli

Harriet, rigida nell’educare i figli fino al maltrattamento. Anche sua madre è stata rigida con lei, tanto da farla sentire rifiutata. Di lei ricorda “Mia madre insisteva per spazzolarmi i capelli, cento colpi ogni sera, il suo unico gesto materno”. Harriet è in carcere, accusata di aver ucciso la sua bambina, Charlotte, di soli quattro anni. L’ha rinchiusa nella stanza del guardaroba, le mani legate con una calza fissata a un anello fissato al muro. Harriet, in carcere, ha tempo per pensare, ricordare, riflettere, soffrire. E ha tempo per scrivere un diario.
Maddie, la tata che si è occupata dei figli di Harriet, la tata che aveva tanto a cuore Charlotte e la consolava ogni volta che i fratelli la tormentavano. Maddie, e il suo momento d’amore, unico e solo, istante che custodisce il mistero di una nuova vita e la tragedia di una vita che si spegne. Maddie, con il suo grande amore e il suo grande e doloroso segreto. Maddie, che si è occupata di Florence, figlia di Harriet, nata fra le mura della prigione e portata a casa dal padre quando aveva soltanto pochi giorni. Maddie, che ormai vecchia racconta la sua storia e svela il suo segreto. O meglio i suoi segreti.
Anna, figlia di Florence, nipote di Harriet, non ha mai voluto parlare del passato, ma un giorno scrive una lettera a Maddie “Avevi detto che avevi una storia da raccontarmi, e io sapevo di quale storia si trattava. […]. Prima non mi sentivo pronta per ascoltarla, ma ora sì. Sei l’unica rimasta a potermela raccontare. Maddie racconterà molte cose ad Anna, e tante ne leggerà nel diario di sua nonna Harriet.

Bello e, oserei dire, doloroso, al di là del mistero.