11 Followers
11 Following
Patricija

Gatta ci cova

Currently reading

Hitler
Ian Kershaw, A. Charles Catania
Gli Impiegati
Honoré de Balzac
Altre voci altre stanze - Truman Capote, Bruno Tasso

Un filo d’ambiguità serpeggia tra fantasmi da combattere e vincere, amore da trovare e vivere.
A Skully's Landing, sospeso in un limbo, tra sogno e realtà, il giovane Joel inizia la sua ricerca, il suo percorso di crescita e rinascita.
Pagine belle e intense. Intime e profonde.
Però…
Ho qualche perplessità sulla traduzione. Mi rendo conto che il romanzo uscito in America nel 1948 fu tradotto e pubblicato l’anno successivo in Italia. Probabilmente il traduttore lavorò sotto pressione e con tempi stretti. Tuttavia, non comprendo, per esempio, la scelta di rendere così grottesco e sgrammaticato il linguaggio di Zoo, o da vecchia madama quello di Florabel. Negri che si esprimono come primati, bianchi che parlano con linguaggio ricercato a sottolineare le differenze. Troppo, a mio avviso. Nel testo originale non mi pare così marcato.
Sono stupita perché Bruno Tasso non è stato un traduttore qualsiasi.
E allora mi spiace questo procedere “altalenante” tra incanto e fastidio.
Scorro il testo in lingua originale e confronto.
“I ain’t deaf, honey,” said Zoo, sounding sincerely concerned. “Have the backache and stomach jitters, but I ain’t deaf.” //"Io non son sorda, cocco" disse Zoo in tono sinceramente sollecito. "Ci ho mal di schiena e il nervoso nei budelli, ma sorda no."
------------------
“Hey, Lord!” STAMP. “Hey, Lord!” STAMP. “Don’t wanna ride on the devil’s side . . . jus wanna ride with You!”//"Ehi, Signore!" (Un pestone.) "Ehi, Signore!" (Un pestone.) "Non ci voglio, no, viaggiare col demonio per compare!... Io voglio viaggiare insieme con Te!"
-------------------------
“Uh yes, absolutely.”“It went like this,” and Amy hummed: “When I’m calling yoo hoo de da dum de da . . .” //"Oh sì, certo, sì, senz'altro." Amy si mise a mugolare il motivo del Canto d'amore indiano: "Fa così: Quand'io ti chiamo tu... tiritin... taratà... pram... pram...".

 

E poi c’è la Bellezza. Quella che t’innamora. Voglio chiudere così.

 

" Qualsiasi amore che vive nell'ambito della natura umana è bello e naturale. A ritenere una persona colpevole per via di ciò che ama sono soltanto gli ipocriti, gli analfabeti del sentimento, gli invidiosi, tutti coloro insomma che, agitati da smanie segrete, spesso scambiano la freccia che indica il paradiso per quella che conduce all'inferno." //
“any love is natural and beautiful that lies within a person’s nature; only hypocrites would hold a man responsible for what he loves, emotional illiterates and those of righteous envy, who, in their agitated concern, mistake so frequently the arrow pointing to heaven for the one that leads to hell”.