11 Followers
10 Following
Patricija

Gatta ci cova

Currently reading

Hitler
Ian Kershaw, A. Charles Catania
Gli Impiegati
Honoré de Balzac
Bouvard e Pécuchet - Gustave Flaubert

Con quel caldo – trentatre gradi – in corso Bourdon non un’anima”. Ma ecco, due uomini. Provenienti da direzioni diverse, arrivati in mezzo al corso, siedono sulla stessa panchina.
Sono Bouvard e Pécuchet. Gli scrivani dei pensieri di Flaubert.
Entrambi copisti. L'uno e l'altro insoddisfatti. Diventano amici inseparabili. Un giorno abbandonano Parigi e si ritirano in campagna.
Inizia la loro nuova vita. Fatta di studio, esperimenti, meditazioni, ragionamenti.
Filosofia, scienza, politica, religione, agricoltura, archeologia, fisica, pedagogia. Cercano di attraversare tutto lo scibile umano. Le loro riflessioni smontano certezze, accendono dubbi, sollevano quesiti. Comprendono che il sapere umano è limitato e l’universo è infinito. Che a colmare il divario ci pensa l’uomo. Con la stupidità.
Così, nella mente due amici matura “una facoltà penosa, quella di vedere la stupidità e di non tollerarla più. Cose insignificanti bastavano a rattristarli; le pubblicità dei giornali, il profilo di un borghese, una sciocca riflessione ascoltata per caso.…”
Studiano, scrivono, copiano, copiano, copiano. Copiano tutti i manoscritti e la carta stampata che trovano, dai libri erotici al latino da chiesa, dalle favole per bambini ai libretti d’opera. Classificano tutto ricopiando su un grande registro commerciale. Godono dell’atto di ricopiare. “Pezzi di tutti gli stili, agricolo, medico, teologico, classico, romantico, perifrasi-parallelismi: delitti dei popoli – dei re – effetti positivi della religione, delitti della religione”.
Redigono il Dizionario delle idee comuni e il Catalogo delle idee chic.

 

Quindi ricordate, se vi scappa uno sbadiglio bisogna dire: «non è noia, mi viene su dallo stomaco».
E in riva al mare non bisogna essere mai sprovvisti di cannocchiale. Nel contemplarlo, dir sempre: «Ne ha di acqua!»
Parola di Bouvard e Pécuchet. E di Flaubert.