11 Followers
11 Following
Patricija

Gatta ci cova

Currently reading

Hitler
Ian Kershaw, A. Charles Catania
Gli Impiegati
Honoré de Balzac
Lo scrivano - Tahar Ben Jelloun

“Tangeri è cosí: un libro non concluso”.

 

Come “Lo scrivano”.

Il narratore passa la penna allo scrivano. Gesto che muove la vita da vissuta a scritta.

Schegge di deliri sessuali, visioni femminili; desiderio di terra e di corpi. Un turbinio di ambiguità e fascinazione. Un alternarsi di richiami e silenzi. Di luce e ombra. Di odori e colori. E di suoni. Sempre in lontananza. Un’eco di vita.

L’uso sapiente della parola frena dalla voglia di allontanarsi.

M’è rimasta l’idea di una storia frammentaria, scritta sulla linea di confine tra due terre, due culture. Entrambe chiamano. Ambedue respingono.

C’era tanto e non mancava la poesia. La scrittura è elevata. Ma non è stato amore. L’ho trovata straniata e straniante.

Limite mio.

 

Lo rileggerei?

Rispondo con le parole di un altro scrivano (che ho amato), Bartleby: "Preferirei di no".