11 Followers
10 Following
Patricija

Gatta ci cova

Currently reading

Hitler
Ian Kershaw, A. Charles Catania
Gli Impiegati
Honoré de Balzac
I vicini scomodi. Storia di un ebreo di provincia, di sua moglie e dei suoi tre figli negli anni del fascismo - Roberto Matatia

La giovane Camelia scrisse alcune lettere al suo amato Mario. In quelle lettere si racchiude la storia di una famiglia ebrea nell’Italia del fascismo.
L’autore, partendo dalle preziose missive, ricostruisce le vicende di Nissim Matatia e la sua famiglia.

 

Era una “famiglia, che sentiva l’Italia come la sua Patria e che, per questo motivo, non volle abbandonarla, mai intuendo dove la follia umana sarebbe un giorno arrivata”.
Nissim, ebreo originario di Corfù, era un pellicciaio. La sua attività commerciale gli consentiva un tenore di vita agiato. Era il 1937, la famiglia Matatia trascorreva le vacanze estive nella casa sul mare, a Riccione. Accanto alla loro, villa Margherita proprietà di Benito Mussolini. I Matatia erano vicini scomodi. Così iniziarono le pressioni per allontanarli. Nissim resistette fino a che loro casa fu espropriata.
Con le leggi razziali emanate in Italia nel 1938 per la famiglia di Camelia iniziò il calvario.
Nissim e il giovanissimo figlio Roberto furono arrestati, incarcerati a Bologna, trasferiti a Verona, infine a Milano; da qui partirono su un convoglio il 6 dicembre 1943 con altri 250 deportati destinati ad Auschwitz. Un mese dopo il resto della famiglia subì la stessa sorte. Catturati dai fascisti a Savignano sul Panaro il 1° dicembre 1943, Camelia con la madre Matilde e il fratello Nino furono condotti al carcere di San Giovanni, poi a Ravenna, Forlì e Milano da dove, il 30 gennaio 1944 partirono con altre 600 persone dal tristemente noto Binario 21. Destinazione Auschwitz. Di loro si salvò soltanto Nino che morì poco dopo la liberazione a causa dei patimenti subiti.

 

Narrazione essenziale, semplice, intima. Ed è proprio la linearità della scrittura a rendere la drammaticità e il peso di una delle maggiori colpe di cui s’è macchiato l’uomo.
Un libro che farei leggere ai ragazzi e a chi vuole iniziare un percorso di scoperta, studio e riflessione sulla storia della Shoah e, più in generale, di ciò che fu l’Italia fascista.