11 Followers
10 Following
Patricija

Gatta ci cova

Currently reading

Hitler
Ian Kershaw, A. Charles Catania
Gli Impiegati
Honoré de Balzac

Il peso di una vita nella ferita di un ciliegio.

Invecchiando gli uomini piangono - Jean-Luc Seigle, Stefano Valenti

I terreni s’accorpano e le vite s’allontanano in quella terra di braccianti trasformati in operai. Il mondo cambia, avanza. Albert si ferma.
È il 9 luglio 1961. Caldo da togliere il respiro. Caldo da morire. È il giorno per non mentire, perché: “Morire nella menzogna è possibile. Ma non è possibile uccidersi senza essersi detti la verità”.
Poi ci si può congedare. Non è resa. È non accettazione.
Ed estremo gesto d’amore.
Suzanne sarà libera, Henri tornerà dal fronte. Il piccolo Gilles, che coglie in suo padre “il silenzio delle statue e quel silenzio" gli conferisce "ulteriore densità”, imparerà a conoscere il mondo e l’umanità attraverso le parole, aiutato dal maestro Antoine.
Albert chiamerà un’ultima volta Madeline “mamma”. Andrà a lei con l’anima nuda a pronunciare quella parola di bambino. Lui, il suo “agnellino dalla pelle scura”, la prenderà in braccio, la sua mamma bambina, la poserà sul letto e la guarderà un attimo ancora.
Poi sarà il momento. “Niente di più”.

 

Pagine di grande intensità. La narrazione di Seigle è delicata, non fa rumore. Così sembra. In realtà è una bomba a tempo.
Esplode.
Dopo.

 

Il peso di una vita nella ferita di un ciliegio.
Chissà se l’anima di Albert l’ha chiusa, chissà se la ferita s’è cicatrizzata dando forma a un bellissimo nodo.