11 Followers
11 Following
Patricija

Gatta ci cova

Currently reading

Hitler
Ian Kershaw, A. Charles Catania
Gli Impiegati
Honoré de Balzac
La vergine fredda - Jørn Riel, C. Scanavino

“Skrøne”: beffa, bufala, storia di fantasia. L’arte di esagerare rendendo credibile l’inverosimile. Roba da eccelso impostore. E un gran mentitore può rendere naturale la presenza, in Groenlandia, di Magdalena, femmina di boa reale di 5metri5, di Anton, il letterato che riprende il suo lapis grazie a un’indigestione di sardine; della bella Emma, bella come un sogno. Emma, di tutti e di nessuno. E non solo.

In questo luogo fantastico e spaventoso, la sola idea di un sogno condiviso conferisce alla vita di questi uomini un senso di comunione; comunione nel suo più ampio significato.

 

“Skrøne”, un’iperbole narrativa come arma di sopravvivenza. Una burla alle asperità della vita, un raggio di luce che rischiara la Terra degli uomini, e il loro cuore.