11 Followers
10 Following
Patricija

Gatta ci cova

Currently reading

Hitler
Ian Kershaw, A. Charles Catania
Gli Impiegati
Honoré de Balzac
Il contro in testa: Gente di marmo e d'anarchia (Contromano) - Marco Rovelli

In ogni pagina riecheggia il coro:

 

Nostra patria è il mondo intero

nostra legge la libertà… 

 

Potrebbe essere diversamente? Si viaggia in terra d’anarchia. Si viaggia tra mare e cave, fra osterie e piazze, tra uomini di ieri e ombre di oggi. È un viaggio, è un saggio, è un susseguirsi di quesiti, è poesia, è nostalgia. È sogno e voglia di crederci sempre. Di crederci ancora. Nonostante tutto. Rimanere eterni ribelli, tenere vivi il fuoco e la memoria. E trasmettere, perché questo s’ha da fare.

 

“Il testimone va trasmesso. Il fuoco va tenuto vivo, e diffuso. Non si può tenerlo per sé. Gli arresi hanno vissuto, e si sono tenuti la vita. Non l’hanno rimessa in circolo. Ma la vita non si trattiene. Bisogna restare ad agitare il tempo, a tagliare ciò che c’è da tagliare, a unire ciò che c’è da unire.”

 

A me piacciono le pecore nere, provo istintivo affetto per chi “andava sempre in ufficio col berretto alla rovescia” e veniva punito perché “quando entra sembra che voglia uscire”. Ecco fatto. Sarà per quel contro in testa.

 

… e un pensiero ribelle

in cor ci sta.