11 Followers
10 Following
Patricija

Gatta ci cova

Currently reading

Hitler
Ian Kershaw, A. Charles Catania
Gli Impiegati
Honoré de Balzac
Suffragette. La mia storia - Emmeline Pankhurst

Emmeline Pankhurst, principale rappresentante del movimento delle suffragette, si batté contro l’ostilità del governo che non voleva riconoscere il diritto di voto alle donne.

La protesta, iniziata in modo pacifico interrompendo i discorsi dei rappresentati politici con una domanda ripetuta all’infinito: «Il governo liberale darà il voto alle donne?», non ottenendo che qualche vaga promessa destinata a perdersi nel nulla sfociò in atti di rappresaglia.

Emmeline e le donne del movimento subirono maltrattamenti, arresti, processi e condanne severe.

Hanno deciso che per gli uomini è vigliacco e disonorevole restare silenziosamente inerti dinanzi a regole tiranniche che impongono su di loro vincoli di schiavitù, ma che per le donne la stessa cosa non sarebbe vigliacca e disonorevole, solo dignitosa. Bene, le suffragette ripudiano nel modo più assoluto questa doppia scala di valori morali. Se è giusto per gli uomini lottare per la propria libertà – e Dio sa come sarebbe oggi la razza umana se non lo avessero fatto, dall’inizio dei tempi –, allora è giusto anche per le donne lottare per la propria libertà e per la libertà dei figli che portano in grembo.

 

Gli atti di protesta s’interruppero con l’inizio della Prima guerra mondiale, e il governo rilasciò le militanti incarcerate.

Ma… “… la lotta per la piena emancipazione delle donne non è stata abbandonata; essa è stata, per il momento, semplicemente sospesa. Quando il fragore delle armi cesserà, quando la normale, pacifica e razionale società riprenderà le sue funzioni, la richiesta verrà fatta di nuovo. Se non sarà accordata rapidamente, allora, ancora una volta, le donne prenderanno le armi che oggi hanno generosamente deposto. Non ci potrà mai essere una pace reale sulla terra finché alla donna, la metà materna della famiglia umana, non sarà data libertà nei consessi del mondo.”

 

In quest’opera autobiografica, Emmeline Pankhurst racconta la sua vita di donna, moglie, madre, fondatrice della “Women’s Social and Political Union”, attivista e simbolo della lotta per i diritti delle donne.

Un libro per le donne che combattono coraggiosamente ogni giorno contro le disparità.

Un libro per gli uomini, perché comprendano, se non l’avessero già capito, chi sono le donne e di cosa sono capaci. To’!